1.11 Come nasce e si evolve
nel dopo Covid-19
l’idea progetto
Lean & Green delle Cittadelle?


L’idea progetto delle Cittadelle nasce a seguito di uno studio sulle opportunità nel mercato italiano per strutture innovative di alta gamma per la terza età per conto di investitoti nordamericani, che si sono rilevati non adatti a gestire un progetto di ampio respiro che richiederà accordi con il Governo Italiano.

Lo studio, per garantire il successo dell’investimento creando un nuovo mercato, aveva evidenziato che l’offerta doveva essere calibrata per attrarre l’attenzione dei Baby-Boomers nel mondo, di profilo alto e molto esigenti, che oggi non trovano soluzioni attrattive e valide per trascorrere come desidererebbero la terza età e che sono fortemente prevenuti nei confronti delle strutture di accoglienza dedicate di tipo tradizionale che li segregherebbero dal mondo attivo e dalle comodità.



Si era considerato soprattutto cosa sarebbe potuto succedere quando le co-morbilità legate all’età avrebbero compromesso il loro stato di validità fino a diventare non più autosufficienti e si è visto che per questo si sarebbe dovuto prevedere oltre a ubicarle accanto agli Ospedali di una struttura sanitaria di 1° livello e di un Centro di degenza interno per patologie senili.

Dove gli ospiti residenti avrebbero dovuto essere ospitati senza oneri aggiuntivi rispetto alla retta mensile onnicomprensiva, prefigurando un organico che dipenderà da fattori legati agli ospiti, anche se essi sono ancora autosufficienti ma in una fascia d’età già gravata da problemi medici e da poli-farmacologia.

Questo è il vero e più importante problema della persona avanti con l’età, ancora intellettualmente valida anche se in posizione agiata, e la stessa difficoltà è vissuta dai familiari che devono cercare di assicurare assistenza protetta al congiunto, indipendenza, tranquillità per se stessi e nuova gioia di vivere senza i problemi che insorgono con l’utilizzo di personale badante, spesso non qualificato, o lo sconforto di utilizzare le strutture di accoglienza per anziani di tipo tradizionale.

Pertanto il primo problema affrontato nel progettare i servizi delle Cittadelle è stato: cosa si offrirà all’anziano che nel suo futuro tenderà ad avere bisogno di maggiori attenzioni per le attività della vita quotidiana, eliminando il 100% delle incombenze che si continuerebbe ad avere rimanendo a vivere da soli in casa?

Dalla risoluzione di quest’aspetto dipenderà il successo del progetto e gli ospiti residenti si renderanno conto di avere fatto per se e per la famiglia un investimento conveniente nel trasferirsi nelle Cittadelle, lasciando la propria abitazione per andare a vivere in un centro non solo attrattivo per il grande pubblico ma anche per i loro parenti e amici.

Questo purché siano soddisfatti i loro bisogni primari ed essendo consapevoli che uno stile di vita adeguato e di alta gamma, finalizzato alla salute e al benessere, con servizi a cinque stelle, procrastinerà il momento della loro dipendenza e rallenterà il processo d’invecchiamento aiutandoli ad avere una vita attiva, soddisfacente e soprattutto in salute molto più a lungo.